La leggenda del coniglio di Pasqua Lindt

Curiosità 8 aprile 2011 Lascia un commento

Con l’avvicinarsi della Pasqua, ovunque mi giro trovo un coniglietto dorato Lindt che mi sorride. Il Gold Bunny (questo è il suo nome) è il vero eroe della Pasqua commerciale, il più esposto e il più venduto in tutta la grande distribuzione. Lo riconosciamo per il suo incarto dorato, il collare rosso e un campanellino al collo. Qualche mese fa ho letto distrattamente di una “querelle” sui diritti legati a questo animaletto di cioccolato al latte che ha visto, proprio in questi giorni, trionfare l’esclusiva Lindt: il coniglio dorato del colosso svizzero rimane l’unico con pieno diritto a proliferare.

La leggenda

Il Gold Bunny nasce nel  1952 per mano di un maestro cioccolatiere della Lindt. La leggenda racconta che il Signor Lindt volle a tutti i costi consolare suo figlio, frustato dal fatto di non essere riuscito a prendere un coniglietto che aveva visto in giardino. Da allora l’animaletto di cioccolato al latte è diventato una specie di istituzione pasquale venduta in più di 50 paesi, anche quelli che non celebrano la Pasqua.

I prodotti

Ce ne sono di tutte le dimensioni, dal Gold Bunny Mini all’XXL, e per tutti i gusti, dalla versione al Latte a quelle Fondente e Bianco.  Per gli amanti della bella tavola la Lindt propone  la “collezione di pocellane” dove il coniglietto sorride allegramente ora in un vasetto a forma di uovo appena schiuso, ora in un portauovo e ancora in graziose tazze da collezione.  Numerose anche le confezioni regalo:  dalle borsine in feltro ai peluche Gold Bunny. Dove trovarli? Ovunque!!


| Share

Nessuno commento presente. Vuoi commentare tu?


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *