Dalla Cina un’idea originale per affrontare la recessione: il World Chocolate Wonderland

Eventi 30 dicembre 2011 Lascia un commento

In Cina hanno avuto un’idea proprio originale: per sollevare il popolo dalle fatiche della recessione hanno deciso di regalare loro niente meno che un intero parco dedicato al meraviglioso mondo del cioccolato.  Con lo spirito del “bring a little sweetness” (basta un poco di zucchero e la pillola va giù)  è nato il World Chocolate Wonderland, un parco itinerante con tanto di Grande Muraglia e Guerrieri di terracotta, tutti rigorosamente di cioccolato.

  

Il parco ha avuto la sua prima edizione l’anno scorso a Pechino e a metà dicembre ha riaperto i battenti in quel di  Shanghai, la “perla d’oriente”, ma anche la più vivace ed internazionale delle città cinesi. Il distretto finanziario di Pudong riproduce (questa volta non in cioccolato)  l’aspetto dei maggiori centri finanziari americani ed europei.

Proprio la “fusione” tra Oriente ed Occidente ha ispirato la scelta delle sculture da esporre al World Chocolate Wonderland.
Tina Zhen, responsabile di Pechino Artsource, il gruppo che che ha realizzato il progetto, racconta come la mostra sia il risultato di una “intelligente combinazione” di entrambe le culture. Tutto il cioccolato utilizzato per la creazione degli oggetti e delle sculture esposte viene dall’occidente e porta con sé i suoi 3000 anni abbondanti di storia. Lo stesso cioccolato é stato fuso e lavorato per riprodurre i più importanti simboli  della cultura cinese, con la sua storia risalente a oltre 5000 anni fa, affiancati ad alcuni simboli della cultura occidentale capitalista e moderna.

  

  

La mostra attrae visitatori di ogni età, giovani e vecchi, si estende su un’area di 20.000 mq e contiene oggetti realizzati con circa un totale di 10.000 chili di cioccolato. Ci sono tre sale espositive a temperatura controllata affinché il cioccolato non si sciolga. Una sfilata di moda, anch’essa tutta ispirata al cioccolato, ha inaugurato l’apertura del museo.

Il biglietto d’ingresso parte da 100 yuan (12.80 Euro). Il museo di cioccolato rimarrà aperto sino al 19 febbraio 2012, in attesa di essere completamente ricostruito il prossimo anno…

Io non ci andrò, mica per altro, rischierei di mangiarmi un pezzo di Grande Muraglia!


| Share

Nessuno commento presente. Vuoi commentare tu?


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *